Descrizione immagine
Descrizione immagine

Patto per lo sviluppo

Bookmark and Share

 

Il Segretario Generale  della Cisl IrpiniaSannio Mario Melchionna ritiene fondamentale il ruolo del ‘Patto per lo Sviluppo ’ e degli stessi attori del Tavolo, che hanno il compito e il dovere di intercedere nei confronti della Regione Campania per la concretizzazione degli obiettivi del Patto stesso, condividendo le affermazioni del Presidente di Confindustria Avellino Sabino Basso.  “Occorre ripartire dal ‘Patto per il Lavoro e lo Sviluppo in Irpinia’ – dichiara Melchionna-, le cui priorità, stabilite con il Governo Caldoro si concentrano in quattro punti essenziali: 1) Alta Capacità e stazione Hirpinia; 2) Pianodardine –Paolisi /Lioni-Grotta ;3) Ex Isochimica e bonifica area; 4) Rifacimento reti idriche e fognarie. Non tralasciando la questione Forestazione, l’Accelerazione della Spesa, le Aree di Crisi, la Sanità e l’Istruzione, i Trasporti, le politiche Sociali, gli Accordi di Programma e la Gestione dei Rifiuti. La Cisl IrpiniaSannio conferma la propria posizione da sempre a favore di una gestione idrica totalmente pubblica attraverso un modello unico di gestione che garantisca in primis i cittadini, in termini di efficienza e qualità nei servizi erogati, economicizzazione dei costi e salvaguardia dei livelli occupazionali. Altra importante priorità stabilita all’interno del Patto riguarda gli investimenti e le Infrastrutture materiali ed immateriali, il potenziamento dell’area industriale. Puntare sulla realizzazione delle infrastrutture per facilitare la mobilità geografica e quindi sviluppo e occupazione, potenziamento dei servizi, aumento del turismo.

Puntare sulle infrastrutture significa anche rifacimento delle reti idriche, raggiungimento di un buon stato ecologico delle nostre acque ‘bene comune’ e quindi taglio dei costi a vantaggio dei cittadini e mantenimento dei livelli occupazionali.

Non dimentichiamo che aziende importanti come la nuova IIA non hanno ancora certezze rispetto al proprio futuro! Attendiamo fiduciosi  l’ufficialità dell’avvenuto aumento di capitale da parte della I.I.A., solo così Invitalia, così come negli accordi presi in passato, potrà  sottoscrivere il Contratto di Sviluppo da 21 milioni di euro per dare il via libera ai lavori di ristrutturazione dello stabilimento. Per far sì che Industria Italiana Autobus possa finalmente partire, è necessario che il Governo e la Regione Campania in primis tengano fede agli impegni presi. Altra questione importante e delicata è quella legata all’azienda di Borgo Ferrovia ‘ex-Isochimica’, la cosiddetta ‘fabbrica dei veleni’ che, ha causato il decesso di tanti ex-operai e diverse patologie da asbesto correlate. Ancora oggi gli ex –operai e le loro famiglie aspettano il giusto riconoscimento in termini economici e previdenziali ai fini pensionistici. Altrettanto urgente è la bonifica dell’area contaminata sede l’opificio e lo screening della popolazione residente nei pressi dell’area in questione. È necessario che la Regione Campania intervenga quanto prima facendo pressione sul Governo per assicurarsi i fondi nazionali previsti dalla Finanziaria 2016.

Dobbiamo invece spingere con più forza il Governo, e la Politica a tutti i livelli ad assumersi le loro responsabilità ed a mettere in campo investimenti e progetti concreti e prontamente cantierabili. L’Irpinia è un territorio ricco di potenzialità, occorre la volontà di agire e di intenti per costruire un percorso di obiettivi comuni- conclude Melchionna”-.

 

Avellino, 04 Aprile 2016                      


SEGRETARIO CISL IRPINIASANNIO

                                                        Mario Melchionna