07.04.2017 

IIA di Valle Ufita: rispetto per i lavoratori

Bookmark and Share

Finalmente la Fiom e la Cgil  Irpina e Campana si sono svegliate dal letargo invernale…. dichiara il Segretario Generale della Cisl IrpiniaSannio Mario Melchionna.

Per la prima volta abbiamo sentito pronunciare dai compagni della Cgil le parole “ i lavoratori di valle ufita vanno rispettati come quelli di bologna”. E’ proprio quel “….come quelli di bologna che ci preoccupa!  Prendiamo atto che la Fiom di bologna ha autorizzato i compagni irpini e campani della Fiom a poter esprimere un pensiero anche se molto stringato e accorto.

Il segretario generale della Fiom  Campania Amendola…..che per anni non abbiamo più avuto il piacere di vedere o leggere addirittura non sapevamo se fosse ancora in italia o all’estero….

Vorrei ricordare ai sindacalisti della Fiom e della Cgil che la Cisl ha sempre sostenuto e sostiene i tantissimi lavoratori della IIA di Flumeri per la loro professionalità e competenza e non scapito di altri lavoratori di bologna o di altra località.

Abbiamo sentito nel corso della odierna conferenza stampa in Cgil di una “ processione verso l’azienda IIA”…Do un consiglio a Amendola di informarsi bene con la Signora Curcio, Meninno e Scarpa sulle visite/processioni fatte da loro in questi mesi e soprattutto la scorsa settimana la Rsu  Curcio e il Segretario dei pensionati della Cgil Meninno,durante la visita guidata in IIA hanno potuto apprezzare la produzione e l’organizzazione del lavoro!

La Cisl quando viene invitata al confronto non si tira indietro per il bene dei lavoratori….avremmo voluto anche noi fare la visita guidata in azienda  ma non siamo stati fortunati quanto la Fiom!!!

Non abbiamo condiviso l’azione dei lavoratori in forza alla ex-Bredamenarinibus, strumentalizzati dalla Fiom di bologna  che non più tardi della settimana scorsa hanno accusato i nostri lavoratori di valle ufita definendoli “parassiti e assistiti”.

Dov’erano in quell’occasione i sindacalisti della Fiom e della Cgil? Perché non hanno difeso i lavoratori di valle ufità? Si sono rinchiusi in silenzio stampa perché i loro padroni di scuderia cioè la Fiom di bologna ha spiegato ai fantasiosi Amendola, Scarpa e Fiordellisi che bisognava tacere.

Respingiamo con forza le offese ricevute  dalla Fiom e dalla Cgil  e l’azione messa in campo per dividere i lavoratori e per insultare i sindacalisti della Cisl che ogni giorno sono in prima linea per risolvere i problemi del lavoro e dello sviluppo.

La Cisl  e la Fim IrpiniaSannio e di Bologna non si faranno strumentalizzare da nessuno! Noi abbiamo avuto la forza e il coraggio di difendere lo stabilimento di valle ufita e i lavoratori senza prendercela con gli amici lavoratori di bologna, ma abbiamo soltanto rivendicato il rispetto degli accordi e la riapertura della stabilimnento di Flumeri, a difesa del lavoro e dello sviluppo in Irpinia.

“Ancora una volta vogliamo ricordare  ai compagni della Fiom Campana e di Bologna –dichiara Melchionna- che la decisione di dirottare una parte della produzione degli autobus allo stabilimento di Flumeri, trova giustificazione nella necessità di accelerare i tempi di avvio delle attività e di facilitare la fase di start up. Non dimentichiamo che l’azienda e i suoi lavoratori sono fermi da circa cinque anni!Abbiamo lottato per anni e creduto in questo lento e difficle percorso di rilancio dell’azienda, nonostante i continui ostacoli tecnici e burocratici.

Non permetteremo a nessuno, tantomeno ai compagni della Fiom e della Cgil  di bloccare la rinascita della ex Irisbus e della ex Bredamenarinibus oggi IIA!

A Presidente Del Rosso chiediamo , il  pieno rispetto degli accordi per entrambi gli stabilimenti, abbiamo la necessità di salvaguardare le esigenze di produzione e il mantenimento dei livelli occupazionali del sito di Flumeri e di Bologna , non tralasciando alcun tipo di strumento o iniziativa che possa portare alla realizzazione di questi importanti obiettivi.

La Cisl IrpiniaSannio da sempre disponibile al dialogo e al confronto è pronta ad intraprendere qualsiasi tipo di percorso comune con tutti nessuno escluso che vada nella direzione di garantire il diritto al lavoro e lo sviluppo sul nostro territorio-conclude Melchionna”. Non saremo mai alleati dei populisti e degli estremisti!!!

Allle altre sigle sindacali, e soprattutto alla Fiom e alla Cgil,  noi della Cisl convinti della validità dell’azione unitaria per risolvere i problemi, ancora una volta offriamo la nostra disponibilità a lavorare insieme, a condizione che nessuno si erga a primo della classe!!!

 

Avellino, 07 Aprile 2017                Segretario Generale Cisl IrpiniaSannio

                                                                         Mario Melchionna