Descrizione immagine

La Cisl per il Lavoro, per il Fisco, per  il Welfare

Descrizione immagine

 

Il modello proposto dalla Cisl IrpiniaSannio ai candidati che si confronteranno alle prossime elezioni  è inclusivo, improntato al welfare, con a cuore il lavoro.

A premessa di qualunque programma, la Cisl invita i partiti a non lanciare in campagna elettorale programmi inattuabili. La stessa Annamaria Furlan ha dichiarato che "Bisogna dire la verità agli italiani e alle italiane”. Il ruolo del sindacato è fondamentale : "con la concertazione si portano a casa risultati per il bene di tutti”.

La Cisl IrpiniaSannio definisce con chiarezza le priorità  per il nostro territorio : "La Cisl per il Lavoro, per il Fisco, per  il Welfare".

 

Mai come in questo periodo al Lavoro servono proposte credibili, capaci di essere attuate in particolari realtà come la nostra e di intervenire strutturalmente sui vari aspetti deboli del mercato del lavoro. Il ruolo della contrattazione per tutelare lavoro e salari deve crescere ed essere valorizzato. I giovani sono stati particolarmente penalizzati dagli sconvolgimenti che si sono abbattuti sul mercato del lavoro negli ultimi anni. La Cisl chiede l'attuazione delle politiche attive, che costituisce la principale carenza nel quadro delle recenti riforme sul lavoro. Un progetto che passa necessariamente dal potenziamento dei centri per l'impiego e l’utilizzo di strumenti adeguati per gestire le crisi aziendali. La Cisl crede nella costante rincorsa tra nuove tecniche e nuovi mestieri e, dunque, ritiene che si debba puntare su un grande investimento in servizi di orientamento, istruzione, formazione continua. La carenza di competenze costituisce il principale freno all’occupazione di qualità e alla crescita del mercato del lavoro.

La ‘Proposta di legge di iniziativa popolare Cisl’ – con la grande mobilitazione delle nostre strutture che hanno raccolto oltre 500 mila firme - rappresenta per la Cisl il momento di sintesi più alto della nostra visione del sistema fiscale. È infatti l’esito di un lungo percorso che ci ha visto sempre attenti e impegnati verso un tema che ha importanti riflessi per lavoratori e pensionati in termini di reddito, potere d’acquisto e quindi di qualità della vita. Quindi Irpef, imposizione locale, tassazione delle imprese, recupero dell’evasione, sostegno alle famiglie, sono tutti tasselli di un unico quadro di insieme che devono essere analizzati e valutati sotto il profilo dell’equità, della sostenibilità economica e dei conti pubblici. A fronte della riduzione delle risorse i Comuni e le Regioni avrebbero dovuto riqualificare la spesa e tagliare gli sprechi. In realtà i tagli di risorse si sono tradotti in aumenti di imposte e  in riduzione dei servizi.  La visione fiscale della Cisl ha come obiettivo l’equità del sistema, l’alleggerimento della pressione fiscale, la semplificazione, il recupero dell’evasione fiscale.

In materia di Welfare la situazione risulta essere tutt’altro che confortante e lo scenario che si presenta è fortemente caratterizzato anche dalle evidenti disparità regionali rispetto a servizi, qualità e quantità, cure e condizioni di povertà. È necessario monitorare le ampie risorse concesse per lo sviluppo dei servizi all’inclusione affinché siano adeguatamente impiegate e non vengano dirottate altrove o, sotto-utilizzate. Sarà quindi fondamentale il lavoro che verrà fatto da Regioni, Ambiti e Comuni nell’attuazione della misura attraverso la costituzione di Tavoli  di confronto dell’Alleanza contro la Povertà.

 

 Il tema delle risorse finanziarie, della riorganizzazione della spesa è strettamente connesso alla qualità dei servizi e delle prestazioni diviene prioritario per il Sistema Sanitario Nazionale al fine di garantirne la sostenibilità e l’efficienza (mancano dai 20 ai 30 miliardi di euro per il mantenimento degli attuali standard assistenziali). Occorre definire i livelli essenziali delle prestazioni sociali, date le profonde differenze tra i territori, per garantire migliori prestazioni è bene prima avere una mappa delle reali necessità. L’obiettivo è garantire il diritto di ogni persona a vivere con dignità, in modo autonomo e libero, di ricevere perciò un’assistenza di qualità, nel proprio ambiente di vita, di relazioni sociali e affettive.

 

La Cisl negli anni ha elaborato numerose proposte, sempre ispirate all’equità e che producessero effetti positivi per lavoratori, pensionati e quindi per l’intero sistema economico.

Per la Cisl IrpiniaSannio questo è il punto di partenza per contribuire a un proficuo scambio di idee.


Data

23.02.2018

                                                                                        Ust Cisl IrpiniaSannio





 

 

 

 

 

 

 

 

Descrizione immagine